Nuova area commerciale (20.000 metri cubi) a Santa Fiora


Tempo di lettura: 2 Minuti

Ieri sera si è svolto un incontro delle commissioni congiunte attività produttive e urbanistica del Comune di Sansepolcro durante la quale è stata discussa l’ipotesi di realizzazione di una nuova grande area commerciale a Santa Fiora. Diciamo subito che si tratta di un’area commerciale che possiamo quantificare in circa 20.000 m³ di costruzione (un’area grande più o meno come la Coop). Si tratta di una proposta che è stata fatta da un gruppo di imprenditori già da qualche mese: qualche notizia era trapelata, qualcosa era finito sui giornali, ma nulla di ufficiale.

Noi e altre forze politiche avevamo chiesto informazioni all’amministrazione e avevamo sollevato la questione anche sulla stampa, ma fino all’incontro di ieri sera le informazioni ufficiali da parte del Comune non erano arrivate. Piccola nota: noi crediamo che di fronte a progetti di questa importanza, un sindaco dovrebbe coinvolgere tutte le forze politiche di maggioranza e di opposizione per valutare simili richieste. Ma, come al suo solito, Cornioli si è guardato bene di coinvolgere gli altri.

Bisogna essere chiari su un punto: è pienamente nel diritto di questi imprenditori avanzare questa richiesta, e questo diritto glielo danno gli strumenti urbanistici di cui si è dotato il Comune di Sansepolcro dal 2004 in poi. Nel 2004 è stata infatti approvata una variante al piano regolatore che consentiva la trasformazione delle aree industriali in commerciali per una percentuale massima del 30%, percentuale che negli anni successivi è prima scesa al 15% e infine risalita al 20%, In virtù di questo, è stato presentato un progetto all’inizio dell’estate scorsa, che prevedeva in realtà cubature ancora maggiori destinate al commerciale. Il progetto è poi stato momentaneamente ritirato, ma ci pare evidente che sia corso una fase di rielaborazione in modo da poter ripresentare il progetto opportunamente modificato. Nel momento in cui verrà ripresentato il progetto, da quello che abbiamo capito dalle parole del sindaco di ieri sera, di fatto la fase di realizzazione sarebbe a quel punto quasi automatica.

Questo può essere un ulteriore colpo mortale per il commercio al dettaglio, già in sofferenza, soprattutto del centro storico.

Staremo estremamente attenti ai prossimi passaggi: restano ancora da chiarire alcuni punti, ci sono alcune interpretazioni su delle norme che devono essere ancora chiarite al 100%, e quindi la nostra attenzione è massima nel cercare di chiarire la situazione e capire quello che si può fare per ottenere un risultato che sia il migliore possibile nell’interesse della città.

Se dovesse andare avanti il progetto, a maggior ragione, dovremmo portare avanti delle politiche di rilancio del commercio al dettaglio nel centro storico e nel resto della città. Serve fare quello che non è stato fatto mai nella storia di Sansepolcro, cioè attuare una seria politica di interventi, anche dal punto di vista economico e fiscale, a beneficio delle piccole realtà commerciali e delle piccole realtà artigianali. #nessuno deve rimanere indietro

L’appello estremo che rivolgiamo, speriamo che non cada nuovamente nel vuoto, al sindaco è che quando ci saranno novità ce lo dica lui per tempo e non si debba, come questa volta, rincorrerlo per mesi e alla fine togliergli le parole di bocca. Passiamo parola!

 

Movimento 5 Stelle Sansepolcro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.