M5S Sansepolcro: approvata all’unanimità la nostra mozione contro la ludopatia

Tempo di lettura: 1 Minuto

Nell’ultimo Consiglio comunale di martedì 21 febbraio è stata discussa la mozione da noi presentata contro la ludopatia.

La nostra mozione era molto precisa e dettagliata: chiedevamo prima di tutto all’Amministrazione di adottare un regolamento comunale che prevedesse norme più restrittive per l’apertura di future attività che abbiano al loro interno apparecchi elettronici e terminali atti al gioco d’azzardo. Parallelamente, proponevamo di attivare una politica di incentivi, anche fiscali, volta a premiare tutti gli esercenti che si impegneranno a non installare slot machine nei propri locali e a rimuovere quelle già istallate. Chiediamo inoltre di aderire al manifesto dei Sindaci contro il gioco d’azzardo, che oltre 700 Comuni italiani hanno già sottoscritto.

Richieste più che lecite e che tanti Comuni, anche vicini a noi e con realtà simili alla nostra, hanno già adottato. Il nostro obiettivo è stato pienamente raggiunto, ovvero la nostra mozione è stata votata all’unanimità. Ora la palla passa alla Commissione Regolamenti, che appunto dovrà stilare un regolamento comunale che possa arginare quello che sta diventando sempre di più un vero e proprio dramma sociale. Per questo chiederemo la collaborazione della USL e del SERT, a cui riconosciamo di lavorare ormai da molti anni per questa problematica, coinvolgendo anche le scuole.

In occasione della presentazione della mozione abbiamo avuto l’opportunità di riferire i contenuti di un interessantissimo dossier preparato dal SERT in cui sono evidenziati i numerosi interventi e le iniziative messe in campo dal 2008 ad oggi. Finalmente ora anche la politica si muoverà in questo senso: sappiamo che sarà un cammino non semplice e delicato, ma è troppo importante per non mettersi al lavoro in tempi brevi, cercando la collaborazione di tutti coloro che sono interessati e hanno competenze nel settore.

Movimento 5 Stelle Sansepolcro

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.