Sport

Serve una nuova cultura sportiva, una vera politica dello sport che stipuli le necessarie alleanze strategiche tra società cittadine, federazioni, scuole, istituzioni, associazioni e privati.

Occorre innanzi tutto che il Comune di Sansepolcro sottoscriva, come fatto già da molti comuni, la “Carta Etica” della Regione Toscana. Tale adesione garantirebbe, tra l’altro, finanziamenti regionali alle attività sportive locali che – nonostante i solleciti presentati negli ultimi anni da molte associazioni – il comune ha preferito incomprensibilmente perdere.

Ci sono criticità che vanno affrontate subito, partendo dalle esigenze di tutti i soggetti coinvolti. Ecco alcuni esempi eclatanti:

  • gestione e manutenzione degli impianti sportivi,
  • organizzazione di eventi con cadenza fissa e che possano entrare a far parte di circuiti di enti federativi nazionali con gare singole o tornei e manifestazioni,
  • aiuto concreto a chi si occupa di sport giorno per giorno
  • servono progetti seri per valorizzare il nostro territorio a fini sportivi, come ad esempio il lago artificiale di Montedoglio,
  • vanno sistemati campi da calcio e basket all’aperto,
  • serve recuperare il Campaccio quale luogo ideale per molti sport e sede dei Giochi della Gioventù,
  • vanno presi accordi con i gestori di campi privati per concordare tariffe e uso degli impianti,
  • soprattutto, vanno potenziate le società e le associazioni sportive, già presenti nel territorio, con aiuti logistici e di sicurezza.
Print Friendly
Passiamo parola