Sicurezza

Lavorare tutta la vita per poi perdere tutto, beni materiali e soprattutto serenità, in pochi minuti è l’incubo vissuto da fin troppi cittadini di Sansepolcro nell’ultimo periodo. Che la città sia ormai da tempo preda di fenomeni diffusi e sempre più inquietanti di criminalità è fuori dubbio. La Legge assegna al Sindaco il compito di coordinare le iniziative e indicare linee politiche concrete per affrontare questo problema.

Garantire sicurezza e ordine pubblico non significa solo perseguire fatti penalmente rilevanti, che comunque esistono, ma anche arginare, ridurre ed eliminare tutti quei fenomeni di disordine sociale che incidono sulla serena convivenza civile e sulla percezione stessa della nostra sicurezza.

È di primaria importanza una seria attività di prevenzione, e repressione laddove necessario, per restituire alla cittadinanza un posto sicuro dove vivere, lavorare e incontrarsi.

Verso una migliore Polizia Locale • Occorre unire le forze di polizia locale dei Comuni della Valtiberina e aumentarne l’organico.

Dopo il declassamento a tenenza del comando dei carabinieri di Sansepolcro e in vista di altri tagli di personale da parte del Governo, è fondamentale fronteggiare la drastica riduzione delle forze dell’ordine presenti nel territorio.

Un coordinamento tra le forze di polizia di tutta la Valtiberina, come se questa fosse un Comune unico, può aiutare a controbilanciare gli effetti deprecabili dei tagli di personale e fondi imposti da chi ci sta governando ai livelli superiori.

Il Sindaco inoltre, come autorità di coordinamento in tema di sicurezza, deve pretendere un livello di vigilanza sul territorio che sia il più intenso possibile.

Il Comune può da subito intervenire direttamente sul proprio corpo di Polizia Municipale imponendo un maggiore e più qualificato pattugliamento del territorio oltre alla continua e qualificata formazione del personale.

Un occhio attento sulla città • Il progetto della videosorveglianza a Sansepolcro è ormai storia antica. Messo a punto nel 2008, il progetto venne bloccato dall’allora amministrazione di centrodestra (la stessa forza politica che oggi chiede con forza l’attivazione del servizio!) ed è stato poi totalmente abbandonato dall’amministrazione PD.

È evidente l’importanza di un efficiente sistema di videosorveglianza, sia come ausilio alle indagini sia come deterrente. Occorre verificare se quello già progettato e mai entrato in funzione possa essere recuperato, oppure se sia economicamente e funzionalmente preferibile concepirne uno nuovo.

Uscire dall’ombra • È necessario un piano di riqualificazione per illuminare al meglio la città, facendo nello stesso tempo attenzione al risparmio energetico, sostituendo i vecchi apparecchi con altri più moderni. Proponiamo nuovi investimenti nelle zone più scarsamente illuminate.

Una città più illuminata è anche più sicura. A questo scopo èpossibile attingere ai fondi europei che ci sono e spesso non sono utilizzati. Segnaliamo, ad esempio, il Fondo Europeo per l’Efficienza Energetica (European Energy Efficiency Fund – EEEF), istituito nel 2011, che si propone come un nuovo strumento finanziario dedicato alle energie sostenibili. Tra i progetti in cui il Fondo può intervenire c’è anche l’ammodernamento delle infrastrutture per l’illuminazione stradale e periferica.

Città bella e sicura • Una città ben tenuta, piena di attività e di vita è anche più sicura. Occorre aiutare le associazioni già esistenti, favorire la costituzione di nuove e di gruppi informali di cittadini che, nel loro statuto o nei loro intenti, prevedono l’impegno a rendere la nostra città più curata. Il Comune dovrà dare supporto a queste realtà con sgravi fiscali e burocratici e aiutandole economicamente nelle loro iniziative concrete.

Vigili del Fuoco • Occorre individuare una sede idonea per il gruppo di Vigili del Fuoco volontari di Sansepolcro. Quella attuale è collocata in un’area molto urbanizzata e scarsamente baricentrica rispetto all’area industriale della città che presenta, evidentemente, rischi maggiori dal punto di vista degli incendi.

Print Friendly, PDF & Email
Passiamo parola