Animali

Occorre rimediare all’enorme spreco di denaro pubblico dovuto alla costruzione del Canile Comprensoriale di Sterpaia Vecchia (Badia Tedalda). Si deve dunque operare al fine di rendere il canile sanitario di Sansepolcro un punto di riferimento che tuteli concretamente la salute e il benessere dei nostri amici a quattro zampe. Si rende necessaria anche un’attenta analisi del problema delle colonie feline e verificare la possibilità di avvalersi di un gattile comunale o privato.

È inoltre necessario introdurre una normativa comunale per incentivare l’adozione dei cani e gatti abbandonati. Questa strategia mira a produrre un risparmio economico rilevante, si colloca in una ben più ampia campagna anti-randagismo ed è un gesto concreto che permette agli animali di avere una seconda chance, oltre ad avere indubbi risvolti sociali.

Accanto a queste problematiche, a tutti evidenti, ci battiamo anche su altri aspetti della salvaguardia dei diritti basilari non solo di cani e gatti, ma anche delle altre specie animali:

  • intendiamo rendere pubblico il diniego alla vivisezione e, nell’ambito delle normative vigenti, impedire che nel territorio comunale s’insedino laboratori o aziende, pubbliche o private, che praticano la sperimentazione su animali,
  • vogliamo vietare la sosta a circhi e spettacoli itineranti che facciano uso di animali,
  • promuoviamo un cambiamento culturale nei rapporti tra esseri umani e non umani, improntato sul riconoscimento di un comune status etico,
  • crediamo sia necessario regolamentare i criteri di allevamento, esposizione e vendita di animali, in base alla tutela della loro dignità, salute e benessere,
  • supportiamo la conversione degli allevamenti intensivi in allevamenti estensivi, biologici e che privilegino la qualità della vita dell’animale,
  • riteniamo importante potenziare la lotta al randagismo attraverso la sterilizzazione, in collaborazione con la Asl e l’Enpa (Ente Nazionale Protezione Animali,
  • intendiamo destinare uno spazio pubblico alla sepoltura degli animali da compagnia.
Print Friendly, PDF & Email
Passiamo parola