Caos Ponte: cronoprogramma sospeso, forse nuovo mutuo per la strada di collegamento

Una certezza: non saranno i giochi di parole di Marzi a sbloccare i lavori

Il cronoprogramma dei lavori per il secondo ponte sul Tevere è sospeso. Questo emerge, come purtroppo temevamo, dalle dichiarazioni fatte dall’amministrazione di Sansepolcro nell’ultimo Consiglio Comunale in risposta a una interrogazione del Movimento 5 Stelle.

Le recenti vicende legate all’annullamento del contratto con la società vincitrice dell’appalto per la Direzione Lavori, ma soprattutto il ricorso al TAR della Toscana da parte della società che – giunta seconda nella gara di appalto per l’esecuzione dei lavori – era stata indicata come assegnataria del contratto a seguito dell’improvvida esclusione della società che era arrivata prima. Esclusione giudicata immotivata anche dall’Autorità Nazionale Anticorruzione.

Abbiamo letto il comunicato dell’assessore Marzi secondo cui “solo un ricorso al Tar blocca per ora il secondo ponte sul Tevere”: vero, ma perché c’è il ricorso? Non sarà forse perché il Comune ha cambiato idea tre volte sull’assegnazione dei lavori generando il caos? All’assessore Marzi che invita le opposizioni a giocare a carte scoperte rispondiamo dunque di non giocare con le parole per nascondere le responsabilità.

Come potete ben capire, la faccenda è molto ingarbugliata ed appare davvero un compito arduo per l’amministrazione quello di uscire dal ginepraio in cui si è cacciata. Il secondo ponte sul Tevere, atteso da anni dai cittadini e dalle imprese, dovrà dunque ancora attendere a causa della gestione non certo impeccabile di procedure di gara che, in condizioni normali, dovrebbero essere il pane quotidiano di ogni buona amministrazione.

Il Movimento 5 Stelle di Sansepolcro ha espresso fortissime criticità sul tracciato scelto fin dall’inizio, già ai tempi dell’amministrazione Frullani che ha adottato il progetto poi ripreso da quella Cornioli che, pur avendo promesso di modificarlo, non ha cambiato una virgola.

Il tracciato non ci piaceva e non ci piace, ma c’è un progetto esecutivo approvato e dunque ormai si deve procedere. Se l’amministrazione ne è capace, cosa che finora non ha dimostrato, lo faccia!

Un altro aspetto sul quale abbiamo interrogato l’amministrazione è quello legato al finanziamento del tratto di strada dal Foro Boario al sottopasso E45 che non ha tuttora copertura finanziaria certa. Anche se il costo di tale collegamento, senza il quale ovviamente non servirebbe a nulla costruire il ponte, fosse davvero di “soli” 300.000€ come indicato nel bilancio comunale, pensare di ottenere tale somma dalla “vendita beni”, ovvero dalla vendita di proprietà immobiliari comunali, ci è sempre parso velleitario e irreale. Nell’ultimo Consiglio è stata data finalmente risposta alla nostra insistente domanda: in caso non bastasse la copertura finanziaria indicata, il Comune accenderà un nuovo mutuo…ecco, anche in questo caso proprio come temevamo.

Il nostro gruppo continuerà a vigilare su questo e sugli altri temi di interesse per la popolazione, continuando la propria opera di informazione alla collettività ed augurandosi che anche l’amministrazione Cornioli decida di fare altrettanto, possibilmente senza arrampicarsi sugli specchi con improbabili giochi di parole.

Movimento 5 Stelle Sansepolcro

Print Friendly, PDF & Email
Passiamo parola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi