Alcune necessarie precisazioni sulle lezioncine di democrazia di Articolo Uno

Alcune necessarie precisazioni sulle lezioncine di democrazia di Articolo Uno

Ci pensano loro. All’improvviso spunta dal nulla anche a Sansepolcro un soggetto politico chiamato Articolo Uno e comincia a sparare giudizi. Rigorosamente a casaccio. Chiediamo dunque agli ex-PD nostrani di leggersi anche l’articolo “zero”, quello che prescrive di informarsi prima di scrivere palesi falsità.
Qualche giorno fa Articolo Uno ci ha fatto sapere che “il tempo per l’approvazione del regolamento sui fitofarmaci è scaduto”. Non possiamo che essere d’accordo, ovviamente, visto che da quasi due anni stiamo lavorando duramente per questo obiettivo e lo stiamo facendo con le limitate forze di rappresentanza (1 consigliere comunale su 16 a Sansepolcro, 1 su 12 ad Anghiari) che abbiamo.
Articolo Uno critica il lavoro svolto dalla commissione costituita nell’Unione dei Comuni e si afferma che essa non abbia prodotto nessun risultato. Ci fa piacere replicare ad Articolo Uno che la commissione in realtà, nonostante l’ostruzionismo della maggioranza anghiarese, ha prodotto un testo che è nuovamente passato in questi giorni all’esame della Commissione Regolamenti del Comune di Sansepolcro e che approderà alla definitiva approvazione nelle prossime sedute del Consiglio Comunale biturgense dopo un ultimo definitivo confronto con le categorie degli agricoltori e con le associazioni ambientaliste.

Nella seconda “lettera” dei bersaniani nostrani leggiamo invece che la petizione promossa dal Movimento 5 Stelle per la sistemazione della rotatoria all’uscita della E45 sarebbe stata ritirata: nulla di più falso! Come prescrive lo Statuto Comunale di Sansepolcro (che invitiamo a leggere) dopo la discussione della petizione, presentata in Consiglio dal primo firmatario Mauro Gallorini – già avvenuta a fine giugno – si deve procedere entro 60 giorni alla votazione della stessa. Tale termine scadeva a fine agosto e, per un errore ammesso nell’ultima seduta consiliare dal presidente dell’assemblea, tale votazione non è stata calendarizzata. La petizione quindi non solo non è stata ritirata, ma verrà votata nel prossimo Consiglio Comunale.
Potremmo anche accettare critiche inopportune, magari dettate da sano entusiasmo e “voglia di fare” da parte di movimenti politici neonati e quindi con poca esperienza, ma non possiamo e non vogliamo accettare lezioncine da un partito nato dalla scissione del PD. Gli esponenti di Articolo Uno, molti dei quali fino a pochi mesi fa erano evidentemente organici al Partito Democratico che ha governato Sansepolcro e Anghiari negli ultimi 5 anni (ottenendo come straordinario risultato quello di essere estromesso dal governo cittadino in entrambi i comuni), avrebbero dovuto impegnarsi a governare decentemente quando ne hanno avuto l’occasione, piuttosto che lanciare ora comunicati francamente vuoti di credibilità.
E’ stata l’amministrazione PD a votare nel 2014, dopo un iter di oltre 5 anni, l’approvazione definitiva della variante che ha portato a generare l’obbrobrio stradale che ora anche gli ex-PD criticano.
E’ stata l’amministrazione PD, a Sansepolcro come ad Anghiari, a non muovere paglia per anni, nonostante le sollecitazioni di associazioni e comitati, sul tema dei fitofarmaci. E il tempo, cari ex-PD, era già scaduto allora.
Accettate un consiglio: fatevi un sano bagno di umiltà e la prossima volta chiedete a chi si batte da tempo nelle istituzioni prima di fare altre figuracce.
Movimento 5 Stelle Sansepolcro

Print Friendly, PDF & Email
Passiamo parola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *