Mozione su restauro Resurrezione

La sottoscritta Catia Giorni, consigliere comunale del gruppo Movimento 5 Stelle di Sansepolcro, chiede che venga iscritta all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale per essere discussa e messa in votazione la seguente mozione:

IL CONSIGLIO COMUNALE DI SANSEPOLCRO

In considerazione che il completamento del restauro della resurrezione di Piero della Francesca è prossimo al completamento;

Visto che tale restauro è stato possibile grazie ad una donazione privata pervenuta dal sig. Aldo Osti, cui è stata giustamente concessa la cittadinanza onoraria di Sansepolcro, onorificenza che il Comune ha dato poiché grazie a questa donazione la preziosa opera potrà risplendere di nuovo nonché come ringraziamento che tutti i Biturgensi hanno tributato all’imprenditore per il gesto di straordinaria generosità;

Considerato che con la nuova gestione del Museo Civico, seppur temporanea come più volte affermato da questa amministrazione, il nuovo gestore privato CIVITA si troverebbe a beneficiare senza nessun merito del gesto di filantropia del sig Aldo Osti;

Visto che il completamento del restauro sarà un evento importante per tutti i cittadini di Sansepolcro e che la mostra di Civita non ne permette la visione nemmeno dal portone esterno;

CHIEDE

di dare mandato al Sindaco affinché:

  • ci sia la possibilità che i Borghesi possano visitare l’affresco nei giorni seguenti l’inaugurazione;
  • si impegni a non far diventare la generosità del privato una speculazione per un altro privato, poiché questo ne mortificherebbe il gesto;
  • si organizzino visite gratuite per tutte le scolaresche di Sansepolcro, in modo che tutti i bambini e ragazzi che frequentano le nostre scuole possano essere orgogliosi dell’opera del nostro illustre concittadino e rendano un giusto tributo al signor Aldo Osti.

Catia Giorni, consigliere comunale MOVIMENTO 5 STELLE SANSEPOLCRO

il cittadino onorario di Sansepolcro dott. Aldo Osti, finanziatore del restauro della Resurrezione

Print Friendly, PDF & Email
Passiamo parola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *